post title

Fitoterapia

Il termine Fitoterapia viene dal greco: phytón (pianta) e therapéia (cura). Prevede l’utilizzo di piante o estratti di piante per la cura delle malattie o per il mantenimento del benessere. Rappresenta il primo esempio di pratica terapeutica umana.

L’utilizzo terapeutico delle piante si ritrova in tutti i sistemi terapeutici umani, da quelli più antichi e basati su osservazioni empiriche, a quelli più sofisticati e con livelli di complessità teorica elevata, fino alla moderna biomedicina.

Le moderne preparazioni fitoterapiche sono ottenute a partire dal materiale vegetale, sia fresco che essiccato, tramite estrazioni con solventi e metodiche diverse: se il solvente è l'alcool etilico in percentuali diverse si parla di estratti idroalcolici, solitamente chiamati tinture (o estratti fluidi); se il solvente è l'acqua si parla di infusi, decotti o macerati a freddo; se il solvente è un olio grasso si parla di oleoliti; l'estrazione con solventi diversi e non alimentari (esano, cloroformio, ecc.), che vengono poi eliminati, permette la preparazione di estratti molli e secchi.

La tintura madre si ottiene a partire dalle materie prime che vengono triturate e successivamente poste a macerare in una soluzione idro-alcolica. In seguito, la soluzione viene filtrata, ottenendo la tintura madre.

I medicinali fitoterapici contengono principi attivi estratti dalle piante in dosi ponderali (grammi, milligrammi).

I farmaci omeopatici, invece, contengono diluizioni infinitesimali di sostanze provenienti dal mondo animale, vegetale, minerale o chimico.

Le piante più utilizzate

NOME COMUNE

NOME LATINO

BENEFICI

Ananas

Ananassa sativa

Antinfiammatorio

Biancospino

Crataegus oxyacantha

Rilassante, antiaritmico e ipotensivo

Calendula

Calendula officinalis

Cicatrizzante, antisettico, disinfettante

Carciofo

Cynara scolimus

Depurativo, diuretico, abbassa colesterolo

Echinacea

Echinacea angustifolia

Aumenta le difese dell’organismo

Escholzia

Eschscholtzia calif.

Favorisce il sonno

Fucus

Fucus vescicolosus

Utile in sovrappeso e obesità

Galega

Galega officinalis

Aumenta la produzione di latte post parto

Passiflora

Passiflora incarnata

Rilassante, ansiolitico

Pilosella

Hieracium pilosella

Drenante, diuretico

Propoli

Propolis

Antibiotico naturale, antivirale, aumenta le difese

Pungitopo

Ruscus aculeatus

Emorroidi, rinforza i capillari

Salvia

Salvia officinalis

Antisettica contro l’eccessiva sudorazione

Tarassaco

Taraxacum officinale

Drenante, favorisce l’attività della colecisti

Uva ursina

Arctostaphylos uva-ursi

Disinfettante vie urinarie

Valeriana

Valeriana officinalis

Rilassante, favorisce il sonno

 

Erbe medicali

L'erboristeria è un'antica arte che si occupa della conoscenza delle piante (erbe, piante medicinali, officinali, aromatiche e spezie), della loro coltivazione, raccolta, conservazione e commercio a scopi terapeutici (fitoterapia, galenica tradizionale), cosmetici o nutritivi.

L'erboristeria tradizionale era prerogativa delle casalinghe. Esse coltivavano spezie ed erbe medicinali nei loro orti o le raccoglievano allo stato selvaggio. Le usavano fresche o le conservavano seccandole; oppure estraevano le sostanze mettendole in infusione in vino o grappa. Preparazioni galeniche sofisticate venivano preparate da persone specializzate o farmacisti. I loro fornitori erano erboristi che per lo più raccoglievano erbe allo stato selvatico.

L'Erboristeria moderna nel corso dell'industrializzazione sociale, è stata modernizzata. La raccolta selvatica d'un tempo è stata sostituita da coltivazioni agricole specializzate in erbe e medicinali.

Le erbe più utilizzate:

NOME COMUNE

NOME LATINO

BENEFICI

Arancio fiori

Citrus sinensis

Aromatizzante, digestivo

Betulla foglie

Betula alba

Diuretica, depurativa, antigottosa

Biancospino fiori

Crataegus oxyacantha

Rilassante, antiaritmico e ipotensivo

Camomilla capolini

Matricaria chamomilla

Difficoltà digestive, insonnia

Cascara corteccia

Rhamnus purshiana

Lassativo

Finocchio semi

Foeniculum vulgaris

Gas intestinali, disturbi digestivi

Frangola corteccia